live @ Torino Beach, Storie di altri mondi

A volte ritornano (le grotte)

La speleo è stata un grande e un bel pezzo della mia vita.

Non c’è nulla da spiegare, il mondo ipogeo o ti affascina ed è tuo, o mai, e poi mai, riuscirà a sedurti. Non ci sono parole spese che portino ad un risultato.

Nella mia vita le grotte sono state una immensa passione – una delle poche – e – di tanto in tanto ancora fanno capolino in modo inaspettato.

Stanotte o sognato che in un qualche modo – alcuni dei miei vecchi amici – mi trascinavano in grotta, con buona pace dell’allenamento e dell’attrezzatura mancante. La parte buffa è che invece di provare ansia, anche in sogno – come sempre nella mia lunga vita speleo -, al mio ingresso in grotta è corrisposta una viva e allegra sensazione di benessere e di serenità. Alla faccia del fatto che avevo portato gli sci e non l’imbrago.

La questione ancora più assurda è che io nei sogni mi vedo sempre ‘da fuori’. E nel mio vedermi in terza persona io mi vedo della mia veste attuale, i miei quarant’anni non mal portati, i capelli a mezza misura rossi e quei 10-15 kg di troppo. I miei amici, e Porcahontas (perché le grotte per me resteranno sempre legate a Porcahontas), sono immobili, cristallizzati nei loro 25-30 anni. Lo stesso aspetto, gli stessi modi, lo stesso comportamento. Continue reading “A volte ritornano (le grotte)”

live @ Torino Beach

echi di un mondo lontano

Sotto il portone di casa mia, mio fratello – quello timido – appoggia le borse della spesa dei gatti, mi abbraccia mi da un bacio sulla guancia e mi saluta “Ciao piccola“.

Parole che non sentivo da almeno vent’anni. Ormai di anni ne ho quaranta e piccola non sono più, e poi, sono diventata in fretta troppo alta, troppo ‘torello’ perché a qualcuno venga in mente di chiamarmi così. Eppure, evidentemente, per qualcuno rimani piccola in eterno.

E mi vengono in mente a grappoli immagini di me e lui, millenni fa: io, la piccola, che rincorre il fratellone di dieci anni più vecchio a sciare, a cavallo, a nuotare… e lui, il grande che con infinita pazienza, a volte dolce e a volte ruvido, mi porta per mano a scoprire mondi.