live @ Torino Beach

impalpabilmente

Davanti all’ennessima birra, parlando di non so più che cosa, ti ho preso il polso, istintivamente. E’ un gesto che non faccio spesso, non amo – di fondo – il contatto fisico.

Sotto i miei polpastrelli ho sentito il cuore, un ritmo preciso, caldo, pieno, vivo. E io ti ho sempre immaginato esattamente così, ostinatamente vivo, vivo, nonostante tutto.

…Tum, Tudum, Tudum…

Forse solo nella mia mente, quel flusso regolare ha avuto un sussulto di tono:

Tum, Tudum, …TUDUM

Quando ho alzato lo sguardo, nell’imbarazzo totale, ho avuto l’impressione di scorgere i tuoi splendidi occhi – divertiti e colpevoli – attraversati dal  mio stesso stupore.

Ho imposto alla mia mano, riottosa, una ritirata strategica, dal lato giusto del tavolo, sul boccale.

[e anche questa è rimasta incastrata in qualche angolo del computer per un lungo tempo indefinito.]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...