live @ Torino Beach, ostinatamente ludica

GiocaTorino 2015 – giochi tra le mani

Questo weekend, come tutti gli anni c’è stato GiocaTorino al Lingotto. Ci ho fatto un salto e ho assaporato giochi vecchi e nuovi, rivisto soprattutto gli amici di GT e di Ludichieri che non vedevo da un po’… (e si, ragazzi, torno a Giocare, promesso).

Mi sono capitati, tra le mani i seguenti:

  • Imperial Settlers (in italiano Coloni Imperiali). Gioco osannatissimo nel 2015, che avevo già provato. Gli ho dato una seconda possibilità, ma il risultato non cambia: lo boccio. Lo boccio perché è un gioco di carte, di drafting con gestione risorse, e non è il mio; perché è troppo lungo per il gioco che è, e quindi è noioso, se lo accorci di un turno invece diventa penalizzante se non parti con la mano buona. Non ha dinamiche innovative, e a parte la bellezza, indubbia, della componentistica dice ben poco. Non capisco l’hype e non mi adeguo. Bocciato, again.
  • Bellz! E’ un giochino di abilità per 2 -> 4 giocatori, geniale nella sua semplicità. Un’estetica accattivantissima, durata minima, tempo di comprensione della meccanica assolutamente irrisorio, geniale anche il packaging che lo rende trasportabilissimo. Per grandi e piccini. Promosso a pieni voti: un must have del 2015!
  • King of Siam. E’ sempre lui, uno dei re, e dei rarissimi, del gioco da tavolo. L’ho provato in due, per la prima volta. Gira, ma il ‘suo’ resta una partita a 3. Da giocare e rigiocare, come sempre. Promosso.
  • Mombasa. Osannato a Essen Spiel 2015 Mombasa è sicuramente un bel gioco di strategia, un gestionale di stampo tedesco. Ha molte variabili di cui tenere conto,forse troppe, tanto da temere un ‘livellamento’ della strategia ottimale. Il gioco gira, è piacevole, si fa. Sul lato estetico forse, si poteva fare di meglio. Non lo osannerei, non entrerà nella mia ludoteca personale, ma si, lo rigioco volentieri. Promosso.
  • Bretagne. Altro hot topic di Essen Spiel 2015, che ho regalato, a scatola chiusa a un amico. Tedescone made in Italy, gestionale ambientato in Bretagna a tema ‘costruzione dei fari. Molto bello esteticamente, ambientazione ‘che rende’, meccaniche interessanti, anche se non innovative. Appena un po’ più leggero di Mombasa, ma a me è piaciuto di più, di nuovo viaggio contro corrente. L’ho regalato, quindi non lo comprerò per la mia ludoteca, ma mi è rimasto il gusto attaccato alle dita. Promosso, ampiamente.

E queste sono le impressioni ludiche di GT2015. Alla prossima…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...